Luce bianca è uno spettacolo che nasce da una rivisitazione di Silvana Mariniello del libro di Saramago “Cecità”. Grazie alla collaborazione e regia di Vania Castelfranchi hanno messo in scena un monologo ricco e articolato che prevede l’abbattimento della cosi detta quarta parete.

Quarta parete infranta dal contatto con il pubblico, a volte dalla inversione fra attrice e pubblico, che diviene esso stesso attore, questo perché in Cecità tutti perdono lo vista, e gli altri sensi allora si acuiscono, la domanda che ci è sorta spontanea è : quale senso per voi è irrinunciabile?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
26 − 16 =


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: